UNA SCUOLA SENZA RETTA

Un'altra economia è possibile

La cultura è ciò che stimola l’intelletto individuale, è esperienza, è il contatto con la natura, è la formazione di un pensiero libero e di uno spirito critico.

Riteniamo che tutto ciò non possa essere quantificato, nessuna cifra può corrispondere a un bene così prezioso. Crediamo fermamente che tutti debbano avere la possibilità di accedere all’opportunità di formazione ed educazione; è una delle nostre convinzioni più profonde.

Durante le visite alle scuole Waldorf in Toscana e grazie alla bellezza osservata, ci siamo interrogati su come offrire questa proposta formativa al maggior numero di persone possibile, consentendo a chiunque di partecipare alle nostre iniziative e aderire alla scuola, indipendentemente dalle proprie risorse economiche.

Ispirandoci a Steiner, che fondò la sua prima scuola per i figli degli operai, abbiamo trovato la strada e il coraggio di avviare un nuovo modello economico in grado di sostenere il nostro progetto di libera scuola

Da qui nasce l’idea della “scuola con la libera retta”: il nostro modello associativo si fonda sul contributo libero.

Un valore che sin da subito ha caratterizzato la nostra attività di pensiero e progettazione.

Le famiglie partecipano nella misura che possono alle spese della scuola, prendendosi però un impegno nel tempo. Le molteplici iniziative che promuoviamo e che integriamo nel contesto in cui la scuola opera sono a contributo libero: ciascuno contribuisce secondo le proprie capacità e in base al valore che attribuisce all’esperienza vissuta.

La nostra comunità educante vuole essere un sostegno importante al territorio locale, in termini di sviluppo culturale e impegno collettivo, secondo i principi di responsabilità sociale, sostenibilità e solidarietà. .

Un momento fondamentale che ha confermato la validità della nostra strada è stato l’incontro con Micropoli e Mag Firenze, Cooperativa Finanziaria Mutualistica e Autogestita.

Ci identifichiamo come la “prima scuola senza retta a livello nazionale”.

«La cultura è ciò grazie a cui si sviluppa il talento individuale. E il talento è il motore di qualsiasi progresso sociale.

È perciò di fondamentale importanza che la cultura sia un bene a disposizione di tutti, indipendentemente dalle risorse economiche del singolo.

Dobbiamo lavorare affinché si smetta di vendere la cultura come fosse una merce, per offrire opportunità formative libere a tutti quelli che stanno cercando la loro strada.»

F. Alessandri, maestro Waldorf

Per educare un bambino ci vuole un villaggio (proverbio africano)

 

Perché un progetto così possa durare 100 anni, abbiamo bisogno anche del tuo aiuto!